LightScribe su Linux

 

Per usare questa magnifica tecnologia sulla nostra adorata Linux Box, dobbiamo prima di tutto scaricare il software LIGHTSCRIBE SYSTEM SOFTWARE reperibile a questo indirizzo scarica

quindi incominiciamo l’installazione aprendo una shell e digitando il seguente comando:

      sudo dpkg -i lightscribe-1.10.19.1-linux-2.6-intel.deb

verifichiamo se l’installazione è andata a buon fine con il seguente comando:

     dpkg -s lightscribe

come risposta dovrebbe dare qualcosa di 

Package: lightscribe
Status: install ok installed
Priority: extra
Section: alien
Maintainer: Hewlett-Packard Company
Architecture: i386
Version: 1.10.19.1
Description: LightScribe System Software
Copyright: 2005 by Hewlett-Packard Company, All Rights Reserved.
LightScribe System Software

Continuiamo la nostra installazione scaricando LIGHTSCRIBE SIMPLE LABELER

anche per questo programma, apriamo la shell e digitiamo il comando:

      sudo dpkg -i lightscribeApplications-1.10.19.1-linux-2.6-intel.deb

Abbiamo terminato l’installazione, possiamo trovare il tutto installato in questa posizione:

      /opt/lightscribeApplications/

mentre il programma vero e proprio (l’eseguibile) si trova quì:

      /opt/lightscribeApplications/SimpleLabeler/SimpleLabeler

per avviarlo basta dare il seguente comando:

      cd /opt/lightscribeApplications/SimpleLabeler/
      ./SimpleLabeler

Se invece vogliamo creare dei collegamenti sul desktop, o persino nel menu di linux allora procediamo in questo modo:
tasto destro sul desktop  –>  crea lanciatore,  nella parte dove c’è scritto comando digitiamo cos’:

      /opt/lightscribeApplications/SimpleLabeler/./SimpleLabeler

Inseriamo il nome e premiamo su OK, abbiamo così creato il collegamento del programma su desktop,
se invece vogliamo creare il collegamento nel menu programmi di linux, proseguiamo in questo modo, tasto destro sul menu programmi di linux –>  modifica menù

si aprirà una finestra dove noi possiamo scegliere dove inserire il collegamento, inserendo lo stesso comando come prima e cioè

      /opt/lightscribeApplications/SimpleLabeler/./SimpleLabeler

premiamo su OK, ora abbiamo il collegamento anche nel menu avvio programmi di Linux.

Annunci

LightScribe e LabelFlash su MAC

 

 

Volete realizzare supporti CD/DVD unici per voi con la tecnica della Serigrafia con il vostro MAC?  Allora il software che fa per voi è Roxio Toast 9 Titanium con “HD DVD Blue-ray video Plug-ins” acquistabile direttamente dal sito di Roxio.

Dopo aver installato Roxio Toast 9 Titanium con il rispettivo plug-ins possiamo incominciare a dare vita alla nostra creatività con le due tecnologie LabelFlash e LightScribe.

Avviamo Disc Cover 2 RE (Applicazione che si trova nel pacchetto di Toats 9) e scegliamo un progetto nella lista di sinistra, nel nostro caso mettiamo VUOTO.
 dopo aver impostato graficalmente il nostro supporto dobbiamo masterizzarlo, quindi andiamo su File –> Stampa
nel menu che compare scegliamo nella sezione Output LightScribe se il nostro Mastrrizzatore supporta lo standard LightScribe, altrimento scegliamo LabelFlash se il nostro Masterizzatore suppoorta LabelFlash, dopodichè clicchiamo su Successivo è il programma farà il resto.

ecco alcune immagini di esempio.

Cambiare lo splash screen

Ecco un semplice How to su come cambiare lo splash screen di UBUNTU. 

Possiamo trovarne moltissimi all’indirizzo http://gnome-look.org. Scarichiamo quello più ci piace e installiamolo nel seguente modo.

– Installiamo il gestore per le splash screen

sudo apt-get install gnome-splashscreen-manager

– e avviamolo

Sistema → Preferenze → Splash Screen

– L’inserimento di un splash screen è semplicissimo, clicchiamo su install e selezioniamo dal nostro hard disk l’immagine precedentemente salvata

– poi selezioniamo lo splash screen che abbiamo scelto e clicchiamo su ACTIVATE

Reinstallare GRUB

Se avete un sistema dual-boot con Linux e Windows, allora questo How to sara a caso vostro. Avete fatto la vostra reinstallazione mensile di Windows ed ora non vedete più il bootloader di Linux.

Eccovi un metodo semplice e rapido per riabilitare Grub.

  1. Avviate il LiveCD
  2. Lanciate il terminale e digitate i seguenti comandi, notando che il primo comando vi introdurrà nel “prompt” di Grub e i seguenti 3 comandi saranno eseguiti li. Notare anche che hd0,0 coinvolge il primo hard disk e la prima partizione in questo disco, dove avrete probabilmente installato Grub durante la installazione. Se non fosse così aggiusterete di conseguenza:
    • sudo grub
    • >; root (hd0,0)
    • >; setup (hd0)
    • >; exit
  3. Riavviate (rimuovendo il livecd) e il vostro menu di boot sarà ritornato.

Leggete sotto solo se Windows è ora assente dal menu di boot.

Se avete installato Ubuntu prima di avere installato Windows, allora non troverete la voce di Windows nella configurazione di Grub. Dovrete effettuare delle modifiche al file del menu di avvio di Grub.
Aprite il file “/boot/grub/menu.lst” con il seguente comando:
sudo gedit /boot/grub/menu.lst oppure sudo nano /boot/grub/menu.list
Vedrete un esempio di sezione per Windows dove dovrete decommentare ed aggiungerla all’elenco del menu di boot i qualsiasi posizione la vorrete (decommentare rimuovendo i #)

# title Windows 95/98/NT/2000
# root (hd0,0)
# makeactive
# chainloader +1Notare che dovete anche verificare che hd0,0 sia la corretta collocazione per Windows. Se avrete installato Windows nella quarta partizione del disco, allora dovrete cambiare (hd0,3)

20121216-142428.jpg

Installare Compiz Manager

Compiz Manager

 

 

Avviare il gestore dei pacchetti Synaptic

scaricare i seguenti files:

– compiz-gnome

– desktop effects

– Compiz Gnome Manager

– libgnome-compiz-manager0

– libdecoration0

Compiz Manager ora è installato

ora basta avviare GL Desktop, che si trova nel menù Sistema – Preferenze per configurare gli effetti grafici su Ubuntu

Abilitare il login come utente root

Da Default  Ubuntu, ha il login come utente root è disabilitato, per motivi di sicurezza.

è possibile comunque attivare il login come utente root assegnandogli una password con il seguente comando:

sudo passwd root

La prima password richiesta è quella per sudo, successivamente verrà richiesta la password per l’utente root e la successiva conferma.

Per disabilitare il login come utente root si può usare il seguente comando:

sudo passwd -l root

In questo modo il login come utente root risulterà nuovamente bloccato.

Terminale stile Matrix su Ubuntu

Allora, oggi vi parlerò di come trasformare la nostra adorata Linux Box nel terminale usato nel film Matrix,
basta scaricare il pacchetto cmatrix. Questo pacchetto lo trovate in Synaptic oppure lo potete installare da terminale digitando sudo apt-get install cmatrix.
Una volta installato già potreste utilizzare cmatrix, Digitando cmatrix ed avrete l’ effetto a cascata del film! Per fermare l’ effetto basta premere CTRL-C.

Ci sono anche altre opzioni per il comando cmatrix che potrete vedere digitando cmatrix -h.

Velocizzare la navigazione internet disabilitando l’ipv6

Se la navigazione alle pagine web potrebbe risultare abbastanza lenta, il problema in questo caso è il “protocollo di rete ipv6“, quindi dobbiamo disabilitarlo
Innanzitutto controlliamo se l’ipv6 è attualmente abilitato con il seguente comando:

$: ip a | grep inet6

se il comando non restituisce nulla il protocollo è già disabilitato altrimenti procedete andando ad editare il file “aliases” con questo comando:

$: sudo gedit /etc/modprobe.d/aliases

Trovate la seguente riga:

alias net-pf-10 ipv6

e sostituitela con queste due:

alias net-pf-10 off ipv6
alias ipv6 off

Salvate e chiudete.
Ora non ci resta che edisabilitare il caricamento del modulo ipv6 ad ogni avvio. Diamo il seguente comando:

sudo gedit /etc/modprobe.d/blacklist

ed aggiungiamo questa riga in fondo al file:

blacklist ipv6

Ora basta riavviare ed il gioco è fatto.

Aumentare la risoluzione dello schermo con scheda video nVidia

nvidia

 

Prima di tutto, eseguiamo un backup del file di configurazione, aprendo un terminale e digitando:

sudo cp /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.old

ora sempre da terminale lanciamo il seguente comando:

sudo nano /etc/X11/xorg.conf

inseriamo la password di root, aperto il file andiamo a trovare la voce Section “Screen”
andando a modificare tutti i parametri di SubSection “Display” riguardo alla risoluzione video, in questo modo:

SubSection “Display”
                Depth   1
                Modes           “1280×1024”     “1024×768”      “800×600”
        EndSubSection
        SubSection “Display”
                Depth   4
                Modes           “1280×1024”     “1024×768”      “800×600”
        EndSubSection
        SubSection “Display”
                Depth   8
                Modes           “1280×1024”     “1024×768”      “800×600”
EndSubSection
        SubSection “Display”
                Depth   15
                Modes           “1280×1024”     “1024×768”      “800×600”
        EndSubSection
        SubSection “Display”
                Depth   16
                Modes           “1280×1024”     “1024×768”      “800×600”
        EndSubSection
        SubSection “Display”
                Depth   24
                Modes           “1280×1024”     “1024×768”      “800×600”
EndSubSection

finito, usciamo digitando dalla tastiera “CTRL”+”X” e salviamo le modifiche con “s”, riavviamo il server Xorg
al riavvio del sistema, andiamo su Sistema—->Preferenze—->Risoluzione  dello Schermo e impostiamo 1280×1024.